HOME         IL PROGETTO / I MAESTRI / ROOMS / DIDATTICA / PAROLE




Raimon Panikkar


1918-2010



Oriente e Occidente si fondono nel suo pensiero,
in una visione interdisciplinare, interculturale e interreligiosa,
perchè tutte le concezioni del mondo hanno reciproco bisogno 
e nessuna può fornire da sola risposte ai problemi dell’esistenza.

Tra i circa cinquanta libri pubblicati “Ecosofia: la nuova saggezza. Per una spiritualità della terra” è fondamentale per prendere coscienza dei nostri limiti e per ritrovare una saggezza fatta di amore, mistica, politica, pluralismo e senso secolare del sacro.

Per lui l’ecosofia è molto di più del rapporto tra uomo
e terra, deve interessare sopratutto l’equilibrio
tra materia e spirito, tra lo spazio-temporalità e la coscienza,
un peregrinaggio interiore per ricostruire la nostra casa,
un rapporto messo in pericolo da un mondo artefatto”.

Nella sezione “parole” potrete trovare la sua accezione di Ecosofia.

«L’autentica conoscenza esige la trasformazione del conoscente nel conosciuto. L’autentica conoscenza è impossible senza amore. La natura umana è culturale; e la conoscenza è il modo tipicamente umano di essere naturali, cioè di realizzarci. Lo scopo è essere Natura; non dominare la Natura, bensì trasformarci in essa». Raimon Panikkar




         



Nato nel 1918 a Barcellona da padre indiano e hindù e da madre catalana e cattolica.
“Sono partito cristiano, mi sono scoperto hindù e ritorno buddhista, senza aver smesso di essere cristiano”, ha detto di sé. Teorizzatore e innovatore del pensiero interreligioso, sacerdote, docente di filosofia comparata, scrittore, guida spirituale.







Creval promuove questo progetto di valorizzazione del capitale umano espresso dall’arte e dal pensiero profondo per una nuova sostenibilità ambientale e sociale.


credits


I contenuti artistici dell'intera piattaforma sono protetti ai sensi delle norme che regolano il Diritto d'Autore (art. 2576 del Codice Civile, Legge 633/1941 e successive modifiche e integrazioni, D.Lgs n. 68/2003), e da quelle concernenti la proprietà intellettuale. Tutte le opere appartengono ai rispettivi autori che ne detengono tutti i diritti.
Tali opere  quindi non possono essere utilizzate per uso personale in mancanza di autorizzazione, richiesta e ottenuta presso i soggetti interessati.