HOME         IL PROGETTO / I MAESTRI / ROOMS / DIDATTICA / PAROLE


Arne
Naess


(1912-2009)








Arne Næss fu il primo a adoperare il termine Ecosofia, una filosofia della saggezza appunto Sophia, che sia anche normativa ovvero fatta di norme, priorità risolutive che nascono dalle necessità e che non riguardano solo l’ambiente circostante ma soprattutto il sé da tutti i punti di vista in relazione a quello che lo circonda.

È il padre dell’ecologia profonda, dove profonda sta
a sottolineare le intenzioni profonde, il grado di approfondimento della realtà di cui facciamo parte.
Rifiuta l’antropocentrismo, l’egocentrismo (“il prima gli uomini” a prescindere dagli altri esseri, l’antiumanesimo)
e quei movimenti ecologisti cosiddetti superficiali,
per lui la terra non appartiene all’uomo.

Una branca dell’ecologia profonda è l’Ecosophia T (T da Tvergastein le sue montagne norvegesi),  in cui ritroviamo tutte le influenze del Buddismo, la realizzazione del sé in un processo di co-realizzazione con tutti gli esseri viventi per cui non esiste nulla con una esistenza propria, ma ogni cosa è dipendente e in relazione con ciò che lo circonda. 
Una visione totale e completa del mondo, dove tutto è relazionale, dove non esiste  nessuno iato tra uomo e natura.

Per Naess  ognuno ha diritto a vivere a prescindere da un ipotetico valore attribuito dall’essere umano: auto-realizzazione di tutti gli esseri! La vera soluzione per lui è etica un cambio di paradigma un vivere secondo natura.


“Il mondo è dominato da una cultura di tipo prevalentemente tecnico-industriale che porta ad abusare di tutti i contesti naturali, profanando le condizioni di vita delle future generazioni ”.

Arne Næss




         


Arne Dekke Eide Næss (Oslo, 27 gennaio 1912 – Oslo, 14 gennaio 2009) è stato un filosofo e un famoso alpinista norvegese. Ecologista, pluralista, sostenitore della non violenza per cui ha ricevuto il premio Gandhi nel 1994. 






Creval promuove questo progetto di valorizzazione del capitale umano espresso dall’arte e dal pensiero profondo per una nuova sostenibilità ambientale e sociale.


credits


I contenuti artistici dell'intera piattaforma sono protetti ai sensi delle norme che regolano il Diritto d'Autore (art. 2576 del Codice Civile, Legge 633/1941 e successive modifiche e integrazioni, D.Lgs n. 68/2003), e da quelle concernenti la proprietà intellettuale. Tutte le opere appartengono ai rispettivi autori che ne detengono tutti i diritti.
Tali opere  quindi non possono essere utilizzate per uso personale in mancanza di autorizzazione, richiesta e ottenuta presso i soggetti interessati.