HOME         IL PROGETTO / I MAESTRI / ROOMS / DIDATTICA / PAROLE


Emilio Isgrò



OPERE

















La cancellatura – segno, insetto, coagulo cromatico –
è il dispositivo per obliterare un testo o un’immagine
nel tentativo di attivare al massimo grado il suo potenziale comunicativo; il suo messaggio.

Ma cosa succede quando, oltre alle parole dei grandi testi delle scienze umane, delle religioni, dei codici civili, della cartografia e della letteratura, si decide di ‘cancellare’
l’intero globo?

Ciò è accaduto, nel 2019, a Venezia.

Poi, a seguire e in modo pervasivo, è accaduto nel nostro piccolo e fragile pianeta.



 
 





         




Pittore e poeta - ma anche romanziere, drammaturgo e regista - Emilio Isgrò (Barcellona di Sicilia, 1937) è uno dei nomi dell’arte italiana più conosciuti e prestigiosi a livello internazionale. Isgrò ha dato vita a un’opera tra le più rivoluzionarie e originali nell’ambito delle cosiddette seconde Avanguardie degli anni Sessanta, che gli ha valso diverse partecipazioni alla Biennale di Venezia (1972, 1978, 1986, 1993) e il primo premio alla Biennale di San Paolo (1977), oltre che ad altre importanti rassegne al MoMA di New York nel 1992 e alla Fondazione Peggy Guggenheim di Venezia nel 1994 e le antologiche al Centro per l’Arte Contemporanea Luigi Pecci di Prato nel 2008, alla Galleria Nazionale di Arte Moderna di Roma nel 2013, a Palazzo Reale, Gallerie d’Italia e Casa Manzoni a Milano nel 2016 e nel 2019 alla Fondazione Giorgio Cini di Venezia.

Iniziatore delle “cancellature” di testi, applicate su enciclopedie, manoscritti, libri, mappe e anche su pellicole cinematografiche, Isgrò ha fatto di questa pratica il perno di tutta la sua ricerca.











Creval-Gruppo bancario Crédit Agricole Italia promuove questo progetto di valorizzazione del capitale umano espresso dall’arte e dal pensiero profondo per una nuova sostenibilità ambientale e sociale.


credits


I contenuti artistici dell'intera piattaforma sono protetti ai sensi delle norme che regolano il Diritto d'Autore (art. 2576 del Codice Civile, Legge 633/1941 e successive modifiche e integrazioni, D.Lgs n. 68/2003), e da quelle concernenti la proprietà intellettuale. Tutte le opere appartengono ai rispettivi autori che ne detengono tutti i diritti.
Tali opere  quindi non possono essere utilizzate per uso personale in mancanza di autorizzazione, richiesta e ottenuta presso i soggetti interessati.