HOME         IL PROGETTO / I MAESTRI / ROOMS / DIDATTICA / PAROLE
Alexandra Von Fuerst

Opere





“ La natura è un contenitore di conoscenza ed emozioni,
il paesaggio è un palco della realtà.
La chiave al cambiamento vive nella consapevole osservazione della natura.

Ciò che vediamo è ciò che conosciamo e ciò che conosciamo è ciò che vediamo.
Nessuna realtà è assoluta, dentro di noi esiste la libertà
di scegliere ciò che desideriamo vedere.”



Le immagini, a mio parere, servono come invito all’ascolto emotivo, per trasformare e ricreare una comprensione della relazione con noi stessi e con il mondo che ci circonda. In questa prospettiva, l’artista tiene la funzione di tramite nella fluente ed innata continuità di energia tra l’umano ed il non-umano, celebrando la loro comune partecipazione in un ciclo di vita spirituale.
Alexandra Von Fuerst





         




Nata in Austria da madre slovacca e padre italiano, Alexandra ha vissuto la prima parte della sua vita in Italia, terminando gli studi in fotografia e comunicazione visiva a Milano nel 2014.

Grazie alle sue diverse esperienze culturali negli anni post-universitari, il processo dietro al lavoro di Alexandra porta insieme il vissuto personale multietnico con la finzione surrealista, nella creazione di una visione globale sfaccettata e colorata, ispirata dalla ricchezza di differenti tradizioni. Partendo da un’attenzione particolare verso l’universo femminile, la fotografia è per l'artista un mezzo di riavvicinamento alla saggezza ancestrale della terra, concentrata nel rispetto e nella celebrazione del principio vitale dell’essere.

Attualmente basata tra Parigi e Città del Messico, Alexandra lavora come artista visuale e mentore nelle arti visive.








Creval promuove questo progetto di valorizzazione del capitale umano espresso dall’arte e dal pensiero profondo per una nuova sostenibilità ambientale e sociale.


credits


I contenuti artistici dell'intera piattaforma sono protetti ai sensi delle norme che regolano il Diritto d'Autore (art. 2576 del Codice Civile, Legge 633/1941 e successive modifiche e integrazioni, D.Lgs n. 68/2003), e da quelle concernenti la proprietà intellettuale. Tutte le opere appartengono ai rispettivi autori che ne detengono tutti i diritti.
Tali opere  quindi non possono essere utilizzate per uso personale in mancanza di autorizzazione, richiesta e ottenuta presso i soggetti interessati.